GAMBERONI AL FORNO

Gamberoni al forno: piatto delizioso e super prelibato che potete preparare in un attimo.

Mare, mare, mare, sempre e solo mare. Amo il mare in tutte le sue forme: mosso, agitato, calmo, fermo, con scogli, con sabbia, con sassi, con qualsiasi cosa… vivrei nel mare. Certe volte penso che in una vita passata fossi un abitante del mare… magari una megattera, come direbbe amorevolmente il mio maritino!!!

Visto questo mio profondo amore per il mare spesso e volentieri cerco di mettere il suo profumo e i suoi sapori nel piatto. La ricetta che vi propongo oggi per me è il Top del richiamo al mare: immagino di essere seduta, al tramonto, su una terrazza con vista a 180° sul mare, un buon bicchiere di vino, e di gustarmi questa prelibatezza…

Leggi tutto “GAMBERONI AL FORNO”

BRANZINO AL SALE

Branzino al Sale… a modo “mio”!

Il Branzino (o Spigola) al sale è una delle ricette più amate in casa mia. Lorenzo, mio figlio, lo adora, lo mangia fin da quando aveva un anno (naturalmente lo pulisco con massima attenzione per le lisce). Quando non lo preparo per un po’ mi dice: “mamma, mi fai il pesce? Quello buono con la testa e la coda”!

Il Branzino al Sale è una preparazione veloce, molto semplice ma che mantiene la carne del branzino morbida, saporita e succosa. Ideale se volete “mangiare bene” e rimanere “leggeri”.

Nella ricetta classica, il sale o viene lasciato in purezza o viene bagnato con acqua, in alcuni casi viene mischiato con albumi montati a neve. Ho provato tutte e tre i tipi di preparazioni, tutte buone, ma non mi convincevano fino in fondo. Quindi ho iniziato a sperimentare delle varianti fino ad arrivare a quella che troverete descritta di seguito. Per me, e per chi l’ha assaggiata, è la migliore in assoluto! Regalerà un profumo che esalterà ancora di più il sapore del vostro Branzino.

Branzino al Sale

Lavate e asciugate il Branzino

INGREDIENTI

  • 1 Branzino da 1,2 Kg
  • 1,5 Kg di Sale grosso
  • 2 Spicchi d’aglio
  • 1 cipolla di Tropea piccola
  • 1 Limone non trattato
  • 1/2 bicchiere di Vino Bianco
  • Prezzemolo, Rosmarino, Salvia

Lavate e asciugate il branzino. Lavate e asciugate il prezzemolo, il rosmarino e la salvia; tritate le 3 erbe aromatiche tenendo da parte una manciata di prezzemolo. Spremete il limone ma non gettate la buccia. Pelate la cipolla e tagliatela in 4 / 6 pezzi. Schiacciate gli spicchi d’aglio senza pelarli.

Preparate il sale: in una ciotola mettete il sale grosso quindi aggiungete ½ bicchiere di vino bianco, le erbe aromatiche tritate, il succo del limone e mescolate con le mani in modo amalgamare il tutto.

Prezzemolo, aglio, cipolla e limone

Mettete nella pancia del Branzino il prezzemolo rimasto, il limone spremuto tagliato a pezzi, la cipolla e gli spicchi d’aglio.

Ricoprite una leccarda con carta da forno e preparate il letto del Branzino, versando 1/3 del sale preparato in uno strato uniforme, adagiatevi sopra il pesce e ricopritelo con il sale restante, pressate un pochino in modo da far aderire bene e dare una forma per avvolgerlo completamente.

Branzino su letto di sale
Ricoprite il Branzino con il sale restante e pressatelo leggermente in modo da farlo aderire al pesce.

Infornate a 200° per circa 40 minuti.

Trascorso il tempo di cottura estraetelo dal forno e lasciatelo riposare 5 minuti. Quindi rompete la crosta di sale con un martelletto, togliete la pelle e servitelo sfilettato.

Rompete la crosta di sale con un matelletto e servite caldo.

Note:

    • Quando vi fate pulire il Branzino dal vostro pescivendolo specificate che lo farete al sale; non deve togliere le squame altrimenti in cottura assorbirà troppo sale.
    • Preferite sempre Branzino Pescato e non di allevamento, la carne e il sapore sono completamente diversi.
    • Anziché un branzino grande potete utilizzare 2 branzini da 450 gr. in questo caso il tempo di cottura sarà di 20 minuti.
    • Personalmente, una volta sfilettato, servo il Branzino al Sale senza aggiungere nulla. E’ buonissimo così, l’importante è che lo serviate caldo. Alcuni amano servirlo con un filo di olio extravergine e qualche goccia di limone, ma se seguirete la mia ricetta vedrete che non sarà necessario.
    • Come contorno sono ideali le patate lesse, che non coprono il sapore delicato del pesce. Vanno bene anche fagiolini, o più semplicemente un’insalata verde.
  • Se dovesse avanzare (ma ne dubito!) mettete i filetti in un piatto, copriteli con olio, un goccio di limone sale e pepe. Si conserva ben coperto in frigorifero per 2 giorni. Prima di consumarlo lasciatelo a temperatura ambiente per 1 oretta. Non riscaldatelo, non avrebbe un buon sapore!

Pesce al forno, l’orata il classico pesce al forno

Pesce al forno. Il classico pesce al forno con pomodorini e patate!

Ricette pesce per secondi piatti classici e tradizionali di pesce al forno.
Ricette pesce per secondi piatti classici e tradizionali di pesce al forno.

Sarà anche classico ma è veramente buono.

Inoltre se proverete questa ricetta vi assicuro che non lo ordinerete più al ristorante perché vi diranno: “quello che prepari tu è molto più buono!”

E voi gongolanti saprete che hanno ragione!!!

Orata al forno

Ingredienti:

  • 2 orate da 400 gr. l’una
  • 10/15 pomodori datterino
  • 1 cipolla di tropea piccola
  • 4 patate
  • 2 spicchi d’aglio
  • Prezzemolo
  • 1 rametto di rosmarino fresco
  • Sale grosso
  • Olio extravergine
  • 1 noce di burro
  • Vino bianco ½ bicchiere

Accendere il forno a 200°.

Pelate e patate e tagliatele a rondelle di circa ½ centimetro di spessore.

In una padella grande mettete 2 cucchiai di olio e il burro, quando inizierà a sfrigolare mettete le patate e fatele rosolare 5 minuti per parte, salatele e toglietele dal fuoco.

Lavate le orate, asciugatele e mettetele in una teglia unta d’olio.

All’interno delle orate mettete un cucchiaio di sale grosso, lo spicchio d’aglio e il prezzemolo.

Mettete i pomodorini tagliati a metà nella taglia con la cipolla di tropea tagliata sottilmente e salateli leggermente, aggiungente un giro abbondante d’olio, il vino e poi completate con le patate che avete fatto saltare in padella.

Aggiungete gli aghi di rosmarino. Infornate a 200 gradi per 30 minuti circa. Servite con un buon bicchiere di vino bianco fresco.

BRANZINO ALL’UVA

Branzino all'Uva, ricette di pesce al forno, le ricette particolari che piacciono ai bambini

Branzino all’Uva, ricette di pesce al forno, le ricette di pesce che piacciono ai bambini

Il pesce fa bene è buono e almeno 1 volta a settimana dovrebbe essere mangiato. A casa mia puntualmente il venerdì o il sabato sera viene richiesto a gran voce da tutti.

Il preferito da Lorenzo, da quando aveva 2 anni, è il branzino, quindi per farlo felice cerco di prepararlo in modi sempre diversi. L’ultima volta per fare felice anche Arianna, grande estimatrice di tutta la frutta ma in particolare di uva, ho deciso di fare un connubio dei loro gusti ed è uscito un piatto spettacolare che si sono spazzolati in 5 minuti 😉 !

Ingredienti:

  • 1 branzino pescato di 900/1000 gr.
  • 1 limone non trattato
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cipollotti
  • Prezzemolo e rosmarino
  • Sale grosso
  • Olio extravegine
  • Vino bianco 1 bicchiere

Accendere il forno a 200°. Pulire il branzino (o farselo preparare dal pescivendolo , come faccio io!) lavatelo e asciugatelo con carta da cucina anche internamente. Mettete nell’interno del pesce una manciata di sale grosso, lo spicchio d’aglio schiacciato, il prezzemolo lavato e asciugato, il rosmarino, e una fetta di limone.

In una teglia abbastanza grande da contenere il branzino mettete 2 cucchiai di olio extravergine, adagiateci il pesce mettete gli acini d’uva il limone tagliato a fette e il cipollotto tagliato finemente. Irrorate il tutto con un giro abbondante di olio extravergine, aggiungete il vino e infornate per 25 minuti.

Servite il vostro branzino sfilettato irrorato con il sughetto all’uva.

N.B.: mettendo il sale all’interno del pesce non è necessario salare ulteriormente, il pesce durante la cottura assorbirà il sale necessario e salerà la salsa che si formerà. Il sale non necessario resterà all’interno del pesce, fate solo attenzione quando lo sfiletterete per servirlo.

Branzino all'uva, acini d’uva, limone tagliato a fette e un cipollotto tagliato finemente
Branzino all’uva, acini d’uva, limone tagliato a fette e un cipollotto tagliato finemente